SIGARETTE ELETTRONICHE E METALLI TOSSICI

In un recente rapporto dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), le sigarette elettroniche sono considerate “innegabilmente dannose“. Negli Stati Uniti si sono iniziati a registrare primi casi di persone danneggiate dall’uso delle sigarette elettroniche.Di conseguenza, le normative in tutto il mondo stanno diventando più severe.

I ricercatori dell’Università della California a Riverside (USA) hanno annunciato di aver scoperto metalli tossici nei vapori emessi da alcuni modelli di sigarette elettroniche. Quelli con un contenitore tipo serbatoio, immessi sul mercato nel 2013.

Cancerogeni noti
Alluminio, calcio, cromo, rame, ferro, piombo, magnesio, nichel, silicio, stagno e zinco. Dei 19 metalli trovati in totale, questi in particolare sembrano provenire da componenti di atomizzatori. E maggiore è la tensione di utilizzo, maggiore è anche la concentrazione di metalli nei vapori. “I livelli di cromo, piombo e nichel sono persino sufficienti a causare problemi di salute”, afferma Monique Williams, ricercatrice dell’Università della California. E altri – quelli di rame o zinco, per esempio – superano i limiti imposti dall’amministrazione americana.
Cromo, piombo e nichel sono tre agenti cancerogeni noti. Inoltre, l’esposizione prolungata al cromo può avere effetti gastrointestinali e portare a irritazione respiratoria e compromissione della funzionalità polmonare. L’esposizione prolungata al piombo può causare vomito, diarrea ed effetti cardiovascolari. L’inalazione di nichel può portare a malattie polmonari, danni alla cavità nasale, irritazione polmonare, infiammazione polmonare, iperplasia delle cellule polmonari e fibrosi.

Fonte: articolo di Nathalie Mayer, pubblicato su Futura-Santé del 30/09/2019

Questa voce è stata pubblicata in SANITA', TABAGISMO. Contrassegna il permalink.