DROGA: IL LAVORO DI “CIRCOLANDO” TRA BOTTIGLIETTE D’ACQUA E ASSISTENZA IN DISCOTECA

circolandoOgni sabato sera sono in un locale diverso della riviera romagnola per fare prevenzione e prestare aiuto a chi si sente male. Sono gli operatori della coop Centofiori che gestisce il progetto “Circolando”, voluto dell’Ausl Romagna di Rimini.
I sabato sera li passano in discoteche o nei locali della riviera romagnola senza mai ballare. Per loro non c’è musica che possa distrarli dal compito che si sono prefissati: spiegare ai ragazzi i rischi legati all’assunzione di droghe e alcool.
Sono gli operatori del progetto ‘Circolando’, che dal 2005 si spostano con i loro banchetti tra i locali, i concerti e gli eventi pubblici organizzati nella provincia di Rimini con lo scopo di fare prevenzione. Continua a leggere

Pubblicato in ALCOLISMO, NUOVE DROGHE, SOCIALE | 24 letture

LUDOPATIE. LORENZIN E PADOAN FIRMANO IL DECRETO CHE ISTITUISCE IL NUOVO OSSERVATORIO PER IL CONTRASTO DEL FENOMENO

GIOCOContrasto della diffusione del gioco d’azzardo e del fenomeno della dipendenza grave, e definizione delle linee di azione per garantire le prestazioni di prevenzione, cura e riabilitazione per le persone affette da Gap. Questo l’obiettivo del nuovo Osservatorio, previsto dalla legge di stabilità, che opererà presso il ministero della Salute.
Con la firma al decreto da parte del ministro della Salute, Beatrice Lorenzin e di quello dell’Economia Pier Carlo Padoan, è stato istituito presso il Ministero della Salute il nuovo Osservatorio per il contrasto e la diffusione del gioco d’azzardo e il fenomeno della dipendenza grave previsto dalla legge di Stabilità. L’Osservatorio svolgerà i seguenti compiti: monitoraggio delle dipendenze dal gioco d’azzardo, monitoraggio dell’efficacia delle azioni di cura e di prevenzione intraprese, definizione delle linee di azione per garantire le prestazioni di prevenzione, cura e riabilitazione rivolte alle persone affette dal gioco d’azzardo patologico (Gap). Continua a leggere

Pubblicato in GIOCO D'AZZARDO | 64 letture

CARCERI: IN ITALIA IL 60% DEI DETENUTI FA USO DI DROGHE

CARCEREIl 33% consuma cannabis, il 40% cocaina e il 5% anfetamine. Sono i dati emersi durante l’incontro annuale della neonata Federazione Europea per la Salute Penitenziaria “Health Without Barriers/HWBs”(Salute Senza Barriere). Nel complesso, siamo al settimo posto su diciassette Paesi monitorati per utilizzo di stupefacenti dietro le sbarre.
Secondo i dati del Centro Europeo per il Monitoraggio sulle Droghe e le Dipendenze (EMCDDA), quando un utente arriva in carcere con un’incriminazione o una sentenza relativa all’uso ed allo spaccio di droghe, è soprattutto la cannabis la sostanza incriminata, per il 73,7% delle persone. Ma la dipendenza colpisce ed affligge anche all’interno delle mura carcerarie: in Italia circa il 60% dei detenuti fa uso di droghe, il 33% cannabis, il 40% cocaina e circa il 5% anfetamine. Tra i Paesi che vedono il maggior uso in carcere di droghe, l’Olanda raggiunge quota 80%, soprattutto per quanto riguarda la cannabis. Continua a leggere

Pubblicato in CARCERE | 97 letture

AIDS. IL RISCHIO DI SIEROPOSITIVITA’ CRESCE INVERSAMENTE ALLO STATUS SOCIO-ECONOMICO

HIV AIDSL’Hiv è un fenomeno biologico e comportamentale, ma oggi è divenuto anche un fenomeno sociale e strutturale, che richiede un approccio che vada al di là del singolo individuo. Uno studio della New York University mette in relazione rischio di sieropositività e status socio-economico.
Nei giovani uomini omosessuali e bisessuali, il rischio di infezione da Hiv è connesso a questioni sociali: secondo Perry Hakitis della New York University (USA), autore di uno studio in materia su 594 pazienti, essere di razza nera o ispanica è connesso ad un aumento del rischio di sieropositività, soprattutto in relazione al fatto che queste categorie sono di solito caratterizzate da un basso reddito o dalla residenza in quartieri poveri, con un’elevata prevalenza dell’Hiv. Continua a leggere

Pubblicato in HIV/AIDS | 103 letture

DROGHE: ECCO LE SERRE DOVE CRESCE LA MARIJUANA DESTINATA ALL’USO TERAPEUTICO

cannabis-flosAllo stabilimento Farmaceutico militare di Firenze sono i giorni del primo raccolto della cannabis di Stato e le piante di marijuana sono state tagliate e appese a testa in giù, per far andare tutto il principio attivo verso i fiori. Così l’aroma che producono nella stanza trasformata in serra è intensissimo. Gli addetti indossano guanti, cuffie e mascherine per compiere operazioni che in altri contesti non prevedono grandi precauzioni igieniche. Staccano i fiori dai rametti, li triturano, li pesano, li infilano nei sacchetti.
Cercano di ridurre al minimo le contaminazioni per arrivare ad un prodotto farmaceutico e quindi “standardizzato”, che abbia una determinata quantità di principio attivo per grammo. Va inviato nelle case di malati di sclerosi multipla, tumore, sla e quindi deve essere super sicuro. Sono cinquanta le prime piante di cannabis coltivate in Italia in una struttura pubblica e sono venute su in 3 mesi. Continua a leggere

Pubblicato in SANITA', SOCIALE | 94 letture

BULLISMO: BOOM DI VITTIME TRA GLI 11ENNI. I RISULTATI DELL’INDAGINE DEL MINISTERO

Bullismo, boom di vittime tra gli 11enni: lo ha subito il 25% dei maschi e il 17% delle femmine. Ludopatico il 2% dei 15enni, a rischio l’8%. L’indagine del Ministero tra gli studenti italiani.
A crescere sono soprattutto gli episodi di bullismo tra ragazze. Tra le 11enni le vittime sono passate dal 9,2% nel 2010 al 17,3% ne 2014. Dichiarano di fumare tutti i giorni il 13,8% dei 15enni e il 13,3% delle 15enni. Oltre il 15% dei ragazzi e oltre il 12% delle ragazze bevono uno o più drink al giorno. Continua a leggere

Pubblicato in ALCOLISMO, GIOCO D'AZZARDO, NEW ADDICTION, SOCIALE | 125 letture

ALCOL SNATURATO: PARTE LA CAMPAGNA DEL MINISTERO DELLA SALUTE

banner_alcol_galleryUna canzone e un videoclip targati Elio e le Storie Tese, scaricabili su un minisito dedicato, e poi anche un opuscolo informativo. È una campagna pensata per i giovani e che sfrutta il linguaggio dei giovani, in primis la musica, quella pensata dal Ministero della Salute contro l’abuso di alcol tra i giovani.

In Italia, come nel resto d’Europa, per i giovani under 30, l’abuso di alcol alla guida rappresenta la prima causa di mortalità, morbilità e disabilità evitabile.
I dati in possesso dell’Istituto superiore di sanità (Iss) evidenziano la vastità del fenomeno anche tra i giovanissimi entro i 18 di età, oltre un milione di loro, infatti, fa un uso rischioso di alcol. Continua a leggere

Pubblicato in ALCOLISMO | 244 letture

GLI ITALIANI PUNTANO MENO, MA OGNI ANNO SI GIOCANO UNO STIPENDIO

giocoI dati del Libro blu dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli

Tra slot, scommesse, lotterie e gratta e vinci puntano in un anno 1.431 euro.  Nel 2014 la raccolta dei giochi è stata pari a 84,4 miliardi di euro (243 milioni in meno rispetto al 2013). L’erario ha incassato 7,9 miliardi (8,1 nel 2013).
Continua a leggere

Pubblicato in GIOCO D'AZZARDO | 211 letture

“STOP OPG” RILANCIA LA MOBILITAZIONE: COMMISSARIARE REGIONI INADEMPIENTI E INVESTIRE SUI SERVIZI PER LA SALUTE MENTALE

stop_opg_sito1-500x375Il comitato rivendica l’attuazione della nuova legge 81 che, “spostando il baricentro dalla logica manicomiale alla cura delle persone nel territorio, privilegia le misure non detentive e rende obbligatorie le dimissioni a fine pena”. E chiede che vengano obbligatoriamente inviati al Ministero della Salute i progetti terapeutici riabilitativi per ciascun assistito.
Il comitato stopOPG rilancia una nuova fase di mobilitazione con un nuovo Appello per “chiudere davvero degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari”. La richiesta è chiara ed esplicita: commissariare le Regioni inadempienti “che stanno rallentandone la chiusura”. E ancora, il comitato denuncia i troppi nuovi internamenti nelle Rems con le misure detentive, “che continuano ad essere la regola anziché l’eccezione”. Continua a leggere

Pubblicato in CARCERE | 220 letture

HIV: PREOCCUPA IL TASSO DI INFEZIONI TRA I TRENTENNI

icarCambia il metodo di trasmissione, ma l’Hiv resta comunque un problema su cui non bisogna abbassare la guardia.
3.608 nuove diagnosi in Italia, secondo gli ultimi dati dell’Istituto superiore di sanità, l’84% delle quali sono a trasmissione sessuale.
Per questo gli specialisti della Società italiana malattie infettive e tropicali (Simit), che dal 17 al 19 maggio si sono riuniti a Riccione per la VII Conferenza italiana su Aids e retrovirus (Icar), chiedono attenzione costante, tutto l’anno. Continua a leggere

Pubblicato in HIV/AIDS | 206 letture