QUANDO LA DIPENDENZA DA SMARTPHONE DIVENTA MALATTIA

La nomofobia, il timore ossessivo di non essere raggiungibili al telefono cellulare, causa interferenze nel circuito celebrale della ricompensa. I più colpiti sono giovani con problemi di autostima e relazioni sociali. Continua a leggere

Pubblicato in DIPENDENZE, GIOVANI, NEW ADDICTION, SOCIALE | 128 letture

ADOLESCENTI E SMARTPHONE

Adolescenti: passare molto tempo sullo smartphone non li rende più felici. E’ il risultato di uno studio Usa su oltre un milione di persone.
I giovani sono più insoddisfatti se passano più tempo a usare dispositivi digitali. La chiave non è l’astinenza da Facebook, dal web o dalle chat, ma la necessità di limitarne l’uso a una-due ore al giorno. Continua a leggere

Pubblicato in DIPENDENZE, GIOVANI, SOCIALE | 178 letture

SEMPRE PIU’ SOLI ANCHE IN COMPAGNIA: IL TEMPO PASSATO SUGLI SMARTPHONE

Aumentano le ore passate a guardare lo schermo, per adulti e ragazzi. Con effetti collaterali per il fisico e la testa. Gli esperti non hanno dubbi: è bene rendersi conto dei riflessi che l’uso smodato dei telefonini ha nel sociale.
Una recente ricerca sostiene che il 51% dei ragazzi tra i 15 e i 20 anni ha difficoltà a prendersi una pausa dalle nuove tecnologie tanto da arrivare a controllare in media lo smartphone 75 volte al giorno. Addirittura il 7% lo fa fino a 110 volte al giorno. Continua a leggere

Pubblicato in DIPENDENZE, GIOVANI, NEW ADDICTION, SOCIALE | 104 letture

I CAMBIAMENTI FISIOLOGICI DELL’ABUSO DI INTERNET

Aumento di battito e pressione: i cambiamenti fisiologi dell’abuso di internet.
Si verificano in chi riporta di avere un rapporto problematico con la Rete nel momento in cui si disconnette. Lo dimostra uno studio pubblicato su Plos One che ha coinvolto 144 persone tra i 18 e i 33 anni. Continua a leggere

Pubblicato in DIPENDENZE, GIOVANI, NEW ADDICTION | 112 letture

IL GRAN RITORNO DELL’EROINA E DELLE MORTI PER OVERDOSE

La relazione annuale della Direzione centrale dei servizi antidroga sottolinea la concorrenza alla finora padrona assoluta dei traffici, da parte delle organizzazioni straniere, che si servono in prevalenza di manovalanza extracomunitaria.
Il gran ritorno dell’eroina (+ 30 per cento) e purtroppo anche delle morti per overdose cresciute del 9,7 per cento invertendo un trend decennale che sembrava ormai consolidato. Eroina mescolata con altre sostanze di derivazione sintetica, mimetiche degli effetti dell’oppio, come il fentanil e i suoi analoghi di struttura. Continua a leggere

Pubblicato in DIPENDENZE, SOCIALE | 113 letture

PUBBLICITA’ E MARKETING DEL GIOCO D’AZZARDO

Negli ultimi anni c’è stata una grande quantità di speculazioni sul ruolo della pubblicità come possibile stimolo all’aumento del gioco d’azzardo e come contributo al gioco d’azzardo problematico (incluso il gioco d’azzardo minorile). Vari gruppi di lobby (ad esempio, coalizioni anti-gioco d’azzardo, gruppi religiosi, ecc.) rivendicano che la pubblicità ha avuto un ruolo nella diffusa accettazione culturale del gioco d’azzardo. Questi gruppi sostengono anche che la pubblicità nei casinò tende a utilizzare immagini glamour e belle persone per vendere il gioco d’azzardo, mentre altre pubblicità per biglietti della lotteria e slot machine raffigurano persone comuni che vincono un sacco di soldi o milioni da una singola moneta nello slot. Continua a leggere

Pubblicato in GIOCO D'AZZARDO, SOCIALE | 173 letture

GIORNATA INTERNAZIONALE DEL RIFUGIATO. Serve una politica europea

COMUNICATO STAMPA CNCA
Giornata internazionale del rifugiato, serve una politica europea comune.
I muri sono un pericolo per le nostre società, non solo per i migranti
Don Zappolini: “Mobilitarsi in favore di politiche e pratiche di accoglienza, contrastando chi cerca di lucrare consenso sulla pelle di esseri umani”
Per leggere il comunicato clicca qui

Pubblicato in SANITA', SOCIALE | 149 letture

LA SOCIETA’ ITALIANA DI PEDIATRIA STILA UN DOCUMENTO SULL’USO DI CELLULARI, SMARTPHONE, TABLET DA PARTE DEI BAMBINI

Per la prima volta i pediatri, riuniti a congresso, mettono nero su bianco un decalogo per “educare” genitori e figli all’uso corretto delle nuove tecnologie.
Niente smartphone e tablet prima dei due anni, durante i pasti e prima di andare a dormire. E poi limitarne l’uso a massimo un’ora al giorno nei bambini tra i 2 e i 5 anni e al massimo due ore al giorno per quelli tra i cinque e gli otto anni. Continua a leggere

Pubblicato in DIPENDENZE, GIOVANI, SANITA', SOCIALE | 123 letture

ALCOL, FUMO, CANNABIS, GIOCO: allarme dipendenze tra i giovani. I consigli per i genitori

In Italia il 20% dei giovani tra i 15 e i 34 anni consuma frequentemente alcolici, il 16% fuma fino al compimento dei 24 anni e il 19% ha consumato cannabis nell’arco di un anno. Inoltre è del 49% la percentuale dei giovani tra i 14 e i 19 anni che hanno giocato d’azzardo almeno una volta all’anno. Sono alcune statistiche sulle dipendenze giovanili presentate nel nuovo numero di «A Scuola di Salute» (fonti: Osservatorio Europeo sulle droghe, Doxa, Istat, Nomisma e Unipol), a cura delI’Istituto Bambino Gesù per la Salute del Bambino e dell’Adolescente. Continua a leggere

Pubblicato in DIPENDENZE, GIOVANI | 134 letture

SUICIDIO IN CARCERE: la Toscana vara un piano di prevenzione

Il suicidio è la seconda causa di morte in carcere. E le scelte suicidarie, e anche quelle autolesive, sono in molti casi conseguenza non necessariamente di condizioni di patologia, quanto delle condizioni di vita all’interno degli istituti di pena. Nel luglio 2017 il governo ha varato il “Piano nazionale per la prevenzione delle condotte suicidarie nel sistema penitenziario per adulti”. La Toscana, con una delibera approvata dalla giunta nel corso della sua ultima seduta, ha recepito il Piano nazionale, varando ora il proprio “Piano per la prevenzione delle condotte suicidarie nel sistema penitenziario per adulti della Toscana, e linee di indirizzo per i Piani locali”. Continua a leggere

Pubblicato in CARCERE, SANITA', SOCIALE | 157 letture