HIKIKOMORI E ISOLAMENTO FORZATO

I casi di ritiro sociale sono accomunati da una condizione prolungata di isolamento forzato. Sul sito di Fondazione Veronesi un breve approfondimento sul fenomeno degli hikikomori fa luce sulle difficoltà, i sintomi e le caratteristiche più comuni di questa condizione nei ragazzi e negli adolescenti. Continua a leggere

Pubblicato in GIOVANI | 257 letture

FUMO E CONCENTRAZIONE: UN FALSO MITO

Uno dei luoghi comuni che i fumatori si ripetono, come una sorta di auto-convincimento, è che apporta benefici alla concentrazione. Ora, da una parte è vero che la  nicotina stimola alcuni neurotrasmettitori, come l’acetilcolina e il glutammato, che aiutano l’attenzione. Dall’altra, in caso la persona interrompa la dipendenza da tabacco, il possibile effetto negativo sulla capacità di attenzione e concentrazione causato dal comportamento, è di breve durata. Continua a leggere

Pubblicato in PREVENZIONE, TABAGISMO | 241 letture

XILAZINA: COSA NE SAPPIAMO?

Ernesto De Bernardis approfondisce, sul blog di SITD (Società Italiana Tossicodipendenze), la xilazina, la cui diffusione negli USA sta ponendo grandi preoccupazioni di sanità pubblica. Non ancora presente sui mercati europei, la xilazina è già una realtà negli USA: usata per via iniettiva da sola come adulterante dell’eroina e degli altri oppioidi da strada, provoca effetti molto gravi, ad esempio potenzia l’ipossia cerebrale indotta da eroina o fentanil. Continua a leggere

Pubblicato in NUOVE SOSTANZE PSICOATTIVE, OPPIACEI | 199 letture

PREVALENZA E IMPATTO DI USO SOSTANZE SUGLI EVENTI CARDIACI MAGGIORI AVVERSI: UNO STUDIO FRANCESE

Uno studio francese, Prevalence and impact of recreational drug use in patients with acute cardiovascular events, pubblicato sulla rivista Healthcare delivery, economics and global health, ha testato i campioni di urina di tutti i pazienti ammessi nelle cure intensive di 39 ospedali francesi, in un periodo di 15 giorni ad aprile 2021, scoprendo che ben l‘11% aveva assunto sostanze illegali. I ricercatori stimano che chi aveva assunto sostanze illegali aveva una probabilità molto maggiore di morire o di ricorrere a cure intensive rispetto agli altri pazienti con problemi di cuore, probabilità che aumentava ulteriormente in caso di assunzione di più sostanze. Sui 1.499 pazienti testati (63±15 anni, 70% maschi), 161 (11%) era positivo al test sulle sostanze (cannabis 9.1%, oppiacei 2.1%, cocaina 1.7%, anfetamine 0.7%, MDMA 0.6%). Continua a leggere

Pubblicato in PREVENZIONE, SOSTANZE PSICOATTIVE | 198 letture

SOCIAL MEDIA E “MOSTRIFICAZIONE” DEI CONSUMATORI DI SOSTANZE: IL CASO PHILADELPHIA

Philadelphia è una delle metropoli statunitensi più colpite dall’emergenza oppiacei; alcuni quartieri della città, a causa della crisi economica e sociale, sono diventate terre di nessuno, popolate da persone in condizioni di forte disagio e spesso di dipendenza. In un articolo pubblicato su Filter, due criminologi riflettono su come le piattaforme di social media, in particolare youtube, concorrono a offrire una visione disumanizzante delle persone che abusano di sostanze. Continua a leggere

Pubblicato in OPPIACEI, SOSTANZE PSICOATTIVE | 202 letture

SUICIDIO MEDICO ASSISTITO E GRAVI DISTURBI ALIMENTARI

Il quotidiano Guardian ospita un approfondito articolo su alcune drammatiche questioni etiche che interrogano i pazienti affetti da gravi disturbi alimentari, i loro familiari e medici. In particolare, a partire dalla dott.ssa Jennifer Gaudian, fra le maggiori esperte nord-americane nel campo dei disturbi alimentari, si riflette sull’opportunità, ovviamente solo in situazioni-limite, dei pazienti di ricorrere al suicidio medico assistito, eventualità legale in 10 stati. Continua a leggere

Pubblicato in DISTURBI COMPORTAMENTO ALIMENTARE | 222 letture

IL LIBRO BIANCO SULLE DROGHE

Su Fuoriluogo è disponibile una sintesi di alcuni dei principali contenuti del Libro Bianco sulle Droghe, pubblicazione annuale curata da Forum Droghe in collaborazione con altre realtà. Un primo tema affrontato è il dibattito pubblico su carcere e droghe, in particolare rispetto alla condizione delle persone recluse ai sensi della normativa antidroga, anche per condotte di lieve entità. Continua a leggere

Pubblicato in POLITICHE SOCIALI E SANITARIE, PREVENZIONE, SOSTANZE PSICOATTIVE | 202 letture

VIRUS HIV E TERAPIE LONG ACTING

Il virus dell’HIV si contrasta sempre più con farmaci a lunga durata (long acting) e con terapie personalizzate, che mettono al centro la persona con i suoi bisogni e le sue necessità, ma purtroppo la maggior parte dei pazienti non è a conoscenza di queste nuove opportunità. E’ quanto emerge dagli studi presentati alla XV edizione di ICAR – Italian Conference on AIDS and Antiviral Research, che si è tenuta a Bari dal 14 al 16 giugno. Continua a leggere

Pubblicato in HIV/AIDS, POLITICHE SOCIALI E SANITARIE | 196 letture

È un dato di fatto che in Italia ci sono milioni di fumatori che non vogliono o che non riescono a smettere di fumare – ha spiegato Riccardo Polosa, fondatore del CoEHAR – Questi fumatori non accettano di essere medicalizzati per via della loro abitudine tabagica e in Italia, ancora oggi, non abbiamo una politica sanitaria che si prenda carico di queste persone. Continua a leggere

Pubblicato in PREVENZIONE, TABAGISMO | 181 letture

NORA VOLKOW SUL DISTURBO DA USO DI SOSTANZE

Nora Volkow, oltre che direttrice del National Institute on Drug Abuse, ritenuta una delle massime esperte mondiale nel campo delle sostanze e delle dipendenze, ha pubblicato su World Psychiatry un importante articolo così traducibile: “Disturbi da uso di sostanze: un aggiornamento completo su classificazione, epidemiologia, neurobiologia, aspetti clinici, trattamento e prevenzione“. L’articolo, a libero accesso, fa luce sui numerosi aspetti connessi al disturbo da uso di sostanze, approfondendo le nuove evidenze disponibili in campo clinico e di cura. Continua a leggere

Pubblicato in SOSTANZE PSICOATTIVE | 259 letture